"Things Can Only Get Better" 1985 - Howard Jones

"Things Can Only Get Better", tradotto in italiano "Le cose possono solo migliorare" è un singolo che fa parte dell'album del 1985 "Dream Into Action" del cantante britannico Howard Jones che scalò le classifiche internazionali, entrando addirittura nella lista Billboard Hot 100. 

In un'intervista, Howard Jones affermò che decise di scrivere questa canzone positiva per il pubblico che lo seguiva dopo il successo del suo album di debutto "Human's Lib", aggiunse inoltre che il brano è ancora oggi rilevante, emergono sentimenti che sono ancora importanti, la musica aiuta a superare i brutti momenti.

Si può definire un inno alla speranza che prima o poi tutto si risolve, quando ci troviamo in momenti bui, non dobbiamo essere spaventati, perdere perdere la sicurezza, ma realizzare i sogni futuri, anche se ci sembra che migliaia di mani scettiche ci trattengono.

Senza lamentarci, dobbiamo andare avanti, senza fermarci e le cose andranno solo a migliorare.

Vivere nel presente, anche se duro, senza avere rimorsi, anche se potrebbe volerci molto tempo, ci sembrerà di percorrere un sentiero solitario, dovremmo arrampicarci in salita, ma né il successo né il fallimento lo ostacoleranno.

L'artista è nato a Southampton nel 1955 ed è anche un pianista, e tastierista, considerato una grande incona dell'80 per essere stato uno dei pionieri del del synthpop.

Fin da piccolo comincia a suonare il pianoforte e dopo essersi trasferito con la famiglia in Canada, entra in una band progressive rock, i "Warrior".

Tornato in Inghilterra suona in vari gruppi e frequenta un college di musica, in seguito comincia ad esibirsi sui palchi, con sintetizzatori e drum machine, molto in voga in quegli anni.

Nel 1983 esordì con il brano "New Song" che svetta in cima alle classifiche europee a cui seguono anche altre due hit "What Is Love?" e "Hide and Seek.

L'anno dopo è la volta del grande successo mondiale dell'album "Human's Lib" che si ripete nel '95 con l'album "Dream into Action" che include i singoli "Like to Get to Know You Well", "Look Mama", "Things Can Only Get Better" e "No One Is to Blame".

Nel 1986 si annovera un posto nella rivista musicale Rolling Stone come miglior tastierista dell'anno.

Tra l' '87 e il ‘92, pubblica "One to One""Cross That Line" e "In the Running", mentre nel '91 riproduce  il singolo di Umberto Tozzi "Gli altri siamo noi" col titolo "Other People Are Us". Con la canzone "Lift Me Up", contenuta nell'album "In the Running", svetta nelle classifiche americane, per poi ripetersi nel '93 con l'album di compilation "The Best of Howard Jones".

Nel 1994 autoproduce l'album "Working in the Backroom", distribuito solo sul web.

Nel 1996, con pianoforte e percussioni produce l'album "Acoustic America" e tre anni dopo pubblica l'album "People", uscito nel '98 solo in Giappone col nome "Angels & Lovers".

Nel 2000 è la volta dell'album "Perform.00", in memoria della morte di Kevin Wilkinson, batterista inglese, con cui l'artista collaborò, mentre nel 2001 esce l'album "Peaceful Tour".

Nel 2002 collabora con altri artisti, quali le Sugababes, Martin Grench e i dBa, l'anno dopo pubblica l'album strumentale "Piano Solos (for Friends and Loved Ones)", a cui seguirà "Piano Solos 2 (for Friends and Loved Ones)" nel 2007, inoltre in occassione della sua carriera ventennale, esegue un concerto a Londra con altri artisti che si può visionare nel DVD del 2005.

Esce anche "The Very Best of" che include l'anteprima dell'album elettronico "Revolution of the Heart", pubblicato nel 2005 che riscuoterà un notevole successo, a cui seguirà un tour negli USA e in Italia.

Nel 2009 esce l'album "Ordinary Heroes" che include brani, quali: "Straight Ahead", "Say it Like You Mean it", "Someone You Need" ed altri.

Nel 2010 esce la collezione "The Very Best of Howard Jones" con le grandi hit uscite tra il 1983 e il 2003, mentre l'anno successivo intraprende un tour in Gran Bretagna. Eseguirà nel 2012 "Human's Lib" e "Dream Into Action" in diversi Paesi e sarà in radio, al programma denominato "Electronic 80s con Howard Jones".

L'artista ha cantato anche per la band Killswitch Engage che ha dovuto lasciare poi nel 2012 a causa del suo diabete di tipo 2 che è peggiorato per lo stile di vita da lui sostenuto, finendo nel 2013 addirittura in coma per 3 giorni.

Nel 2015 rilascia "Engage" che contiene sia un CD che un DVD del suo progetto multimediale, mentre nel 2016 intraprende un tour con il gruppo, alternative rock canadese, Barenaked Ladies negli USA.

Nel 2017 è uscita la nuova compilation di tre CD chiamata "Best 1983-2017" che offre una panoramica della carriera dell'artista.

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Stuart Deyes 2. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!