"The sound of silence" - Simon & Garfunkel

Che questa canzone sia stata incisa nel 1965 è difficile tenerlo presente, perché è così attuale e frequentemente ascoltata e trasmessa dai media che sembra sia stata pubblicata da poco, o comunque non cinquant'anni fa. È stata fonte d'ispirazione per diverse reinterpretazioni ed ha anche accompagnato numerosi film, come colonna sonora.

Il brano nacque come un pezzo acustico, con prevalenza del suono della chitarra, la quale rimase anche nella seconda versione, insieme al testo e all'aggiunta del basso e della batteria. I due artisti che la incisero, Paul Simon e Art Garfunkel, intendevano divulgare il messaggio che nella società moderna c'è mancanza di comunicazione, o più che altro è l'uomo in sé ad essere incapace di comunicare, e il suono del silenzio stava ad indicare che l'uomo fondamentalmente non ascolta, o non sa ascoltare, dato che il silenzio ha molto da dire, e molto da dare in tema di comunicazione.

Secondo alcune convinzioni, il brano fu scritto in occasione dell'assassinio di John Kennedy, ma alla fine è risultato che fosse stato esclusivamente preso come simbolo rappresentativo. In verità, la canzone fu scritta poco prima, anche se nello stesso anno (1963), e quell'oscurità con cui si fa il preludio nella canzone era puramente oggettiva, in quanto Paul Simon amava scrivere al buio, e l'oscurità conciliava lo sviluppo della sua ispirazione.

Autore giovanniAdmin
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!