The Animals - "The House of the Rising Sun" - 1964

"The House of the Rising Sun" è un singolo cantato nel 1964 dalla band rock britannica The Animals, di genere musicale rhythm and blues rock contenuto nell'album omonimo del gruppo pubblicato nello stesso anno.

Scalò le vette delle classifiche internazionali fino a ricevere numerosi premi e riconoscimenti.

La formazione di allora era composta da: Eric Burdon (voce), Alan Price (tastierista), Hilton Valentine (alla chitarra elettrica), John Steel (batterista) e Chas Chandler (al basso).

Non si è mai capito bene chi sia il vero autore del brano, sembra risalire comunque alla prima metà dell'800.

Il tema principale di questa canzone è il pentimento di una ragazza che essendo uscita di casa per vagabondare, è finita in una "casa chiusa" a New Orleans, da qui il titolo "House of the Rising Sun" (Casa del sole nascente), a prostituirsi per vivere.

La ragazza racconta di come quell'esperienza abbia segnato profondamente, in negativo, la sua vita e implora Dio e la madre di fare in modo che la sua piccola sorellina non cada nel suo stesso baratro e di stare il più lontano possibile da quella "casa".

Quando si è giovani, non si vede l'ora di lasciare la propria abitazione per ricercare l'indipendenza, sia come individui sia dal punto di vista economico.

Si è talmente temerari da credere di poter affrontare qualsiasi evento  la vita ci porge, senza incertezze o paure. Non si riflette abbastanza sui problemi che un'esistenza al di fuori del guscio protettivo offerto dai genitori, possa essere più dura da affrontare, anzi loro stessi vengono visti addirittura come dei nemici da cui allontanarsi, sempre in virtù di quella tanto agognata indipendenza.

Così anche una brava ragazza che lascia il proprio nido per affrontare il mondo, può incappare in brutte compagnie che, invece di indicarle la giusta strada da percorrere, la indirizzano verso esistenze oscure e tenebrose, da cui è difficile uscirne successivamente e comunque che segnano ferite indelebili nell'anima.

Autore liviana
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!