Skin - "Tear Down These Houses"

"Tear down these houses", divenuta la colonna sonora del film "Parlami d'amore" (2008) di Silvio Muccino, è una canzone scritta e cantata dall'artista inglese Skin, pseudonimo di Deborah Anne Dyer. In passato la cantante era la voce della band Skunk Anansie, da cui si è distaccata successivamente per intraprendere la carriera da solista.

Per il suo genere musicale rock alternativo e per il suo look androgino, particolare e originale, ha colpito l'attenzione del pubblico già dagli anni '90. Ha pubblicato sette album e la canzone in oggetto parla di un amore contrastato, per il quale i due innamorati tentano di lasciarsi non trovando quell'armonia ed equilibrio che caratterizza una coppia stabile. Pur continuando a farsi del male, non riescono a prendere una decisione definitiva, per porre termine alla relazione sentimentale in quanto, è difficile distaccarsi da un amore ormai morboso, dove il cuore è intriso di profonda passione per il partner. Bisogna confrontarsi con se stessi, trovare risposte alle infinite domande che ci poniamo se lasciare definitivamente questa situazione.

A volte diciamo cose che veramente non pensiamo e confondiamo ancora di più il problema, ci sentiamo soffocare e non riusciamo a spiegare quello che il nostro cuore, ormai sanguinante, vorrebbe esternare. In questa canzone Skin sembra sussurrare tutto il dolore di quest'amore ma nello stesso tempo, con la sua voce potente, sprigiona una forza che la contraddistingue nel suo genere musicale, di immenso riscatto, per riprendere la vita di petto. Per non morire dentro e ritornare ad amare bisogna trovare la forza che è intrisa nella nostra anima, mai arrendersi, questo vorrebbe significare annientare se stessi. Avere sempre la voglia di riscattarsi e di credere ancora nell'amore, sperare che un domani esisterà e che il nostro cuore ritornerà a sorridere.

La sofferenza dell'anima, l'annullamento della propria personalità, ci disorienta. Siamo dominati dalla follia di chi ha voluto beffarsi dei nostri sentimenti e non ci rendiamo conto che rincorriamo un amore che non ci merita. Bisogna trovare la voglia di riscatto verso chi ci ha fatto morire dentro, reagendo alla profonda sofferenza, credendo ancora nell'amore e sperare in un futuro migliore.
Autore liviana
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!