"Shout to the Top!" 1984 - The Style Council

"Shout to the Top!" è una canzone del 1984, del gruppo inglese The Style Council, composta dal cantante Paul Weller, inclusa nell'album dell'85 "Our Favourite Shop" e presente nella colonna sonora del film "Billy Elliott" del 2000, ispirato alla storia vera del ballerino Philip Mosley.

Il testo del brano esorta a chiedere aiuto, a gridare a gran voce per risollevarsi dallo stato di apatia in cui si cade in certi momenti della vita, ricevere un segno per salvarsi la vita, perchè in quel momento non c'è nulla di certo. Bisogna promettere a se stessi che, quando si viene respinti e la vita ci sembra un fiasco, quando ci sentiamo giù, che abbiamo toccato il fondo, non ci resta nient'altro che emanare verso l'alto un grido di aiuto.

The Style Council, si formarono nell'83 grazie all'ex cantante Paul Weller, membro della band Jam, di genere musicale punk rock, new wave, mod revival e il tastierista Mick Talbot.

Nella band The Style Council, Paul Weller ha deciso di intraprendere un genere musicale più soul.

Successivamente ne entrò a far parte anche il batterista Steve White e la moglie di Weller, la cantante Dee C. Lee.

Diversi altri artisti come Tracie Young e Tracey Thorn ("Everything but the Girl") collaborarono con il gruppo, favorendone il loro successo internazionale.

Il loro stile spaziava tra il funk e la synth-ballad, da come si evince in "Speak like a child" e "Long hot summer".

Il singolo dell'84 "My ever changing moods", entrò a far parte della Billboard Hot 100 negli Stati Uniti, mentre con l'album dell'85 "Our Favourite Shop", raggiunsero il maggior successo nel Regno Unito con il singolo "Shout to the Top!".

Sempre nel 1984, Weller, pubblicò un disco "Soul Deep", per raccogliere fondi per i minatori in sciopero che protestavano contro la chiusura dei pozzi, sul futuro incerto delle comunità minerarie e per la famiglia di David Wilkie. Quest'ultimo, un tassista, morì durante lo sciopero dei minatori nel Regno Unito, a causa della caduta di un blocco di cemento da un ponte pedonale sull'auto.

The Style Council adottatarono un approccio più apertamente politico nei loro testi, anche con le canzoni "Walls Come Tumbling Down!", "The Lodgers" e "Come To Milton Keynes" che rivelano la loro natura di attacco alla classe medio-bassa, conservatori e appartenenti al partito politico di destra e verso i principi prevalenti nel 1980 della Thatcher, Primo Ministro del Regno Unito dal 1979 al 1990 e leader del Partito conservatore dal 1975 al 1990. Il "Thatcherismo", descrive appieno la convinzione politica, sociale ed economica del partito politico conservatore britannico di cui Margaret Thatcher ne faceva parte.

La sua vittoria elettorale, spinse molti musicisti pop a sostenere un partito politico, mano a mano che la disoccupazione aumentava e le città della Gran Bretagna, venivano dilaniate dai disordini, chiudevano anche le fabbriche e le discoteche.

Per questi motivi, durante questo periodo, Paul Weller, raggiunse le vette delle classifiche britanniche con singoli, quali: "Bricks And Mortar", "Eton Rifles" e "Little Boy Soldiers", usando apposta le sue ballate post-punk per parlare dei giovani e dei proletari inglesi. Quando fondò gli Style Council, si diresse verso uno stile più soul, orientando la sua rabbia verso il partito di destra, appoggiando le campagne a favore della "Cnd", "Campagna per il disarmo nucleare".

Nel 1982, si svolse a Londra un concerto per protestare contro le politiche belligeranti del governo inglese e gli Style Council cantarono "Money Go Round", un funky nero con il quale si chiedeva perché non era stato indetto un referendum, sulle basi militari in Inghilterra.

Nel 1985, Paul Weller, Mick Talbot e il cantante di protesta folk e punk Billy Bragg, maggiormente identificato con la rinascita del Partito Laburista, si ritrovarono  a Downing Street, sotto l'ufficio del Primo Ministro per sostenere una petizione, firmata da altri grandi artisti quali i Madness, Alison Moyet e i Frankie Goes To Hollywood, contro il precariato del lavoro giovanile.

Seguì poi un altro concerto di fronte al Parlamento e Billy Bragg insieme a Paul Weller, cantarono "Move on up " di Cutis Mayfield.

Nel 1985, nacque il "Jobs for Youth Tour", durante il quale si confrontavano i parlamentari laburisti e i pop fan, e Billy Bragg chiamò il gruppo di musicisti: "Red Wedge".

Nel 1986 gli Style Council pubblicarono l'album "Home and Abroad" e nell'87 quello intitolato "The Cost of Loving" più un singolo "Wanted", che ebbe un notevole successo, entrando  nella "UK Singles Chart". Nell'88 uscì l'album "Confessions of a Pop Group" che non ebbe molto riscontro di pubblico, mentre nell'89 "The Singular Adventures of The Style Council" (raccolta di successi), divenne una grande hits, anche grazie al singolo "Promised Land" ("Terra Promessa").

L'etichetta discografica inglese Polydor rigettò invece l'ultimo album "Modernism: A New Decade" ( Modernismo: un nuovo decennio) che si differenziava per il nuovo stile musicale che venne influenzato dalla scena house.

Nello stesso anno, la band, con il nome King Truman, rilasciò un singolo "Like a gun", con l'etichetta discografica "Acid Jazz" di Londra, chiamata così perché rappresentava un genere musicale jazz.

Il 1989 segnò anche la fine ufficiale del gruppo, Weller intraprese la carriera solista con grande successo; Talbot e White, rilasciarono gli album "United States of Mind" nel 1995 e "Off the beaten track" nel 1996, inoltre formarono una band The Players con Damon Minchella e Aziz Ibrahim. Minchella e White formano Trio Valore, mentre Talbot nel 2009, andrà in tour con Candi Staton, una cantante soul e gospel.

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietà del canale Youtube windmillsofmusic. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!