Scorpions – "Wind of Change"

"Wind of Change", che ricevette numerosi premi e riconoscimenti, tra cui dischi d'oro, di platino e d'argento è un singolo della band tedesca Scorpions, di genere musicale rock, hard rock, power, ballad e fa parte dell'album "Crazy World" del 1991.

La formazione del gruppo era composta da Klaus Meine (voce), Rudolf Schenker (chitarra), Matthias Jabs (chitarra), Francis Buchholz (basso) e Herman Rarebell (batteria).

Il brano cela in se la metafora del cambiamento politico in atto in quel periodo, in Europa Orientale con l'abbattimento del Muro di Berlino, costruito dalla Germania Est per negare il passaggio agli abitanti di Berlino Ovest verso Berlino Est.

Simboleggiava la "cortina di ferro", cioè il confine europeo influenzato dagli  Stati Uniti e il territorio condizionato dall'URSS, nel corso della guerra fredda, creatasi intorno al 1947 che vedeva contrapposta la politica tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica, le due grandi potenze vincitrici della seconda guerra mondiale.

La canzone divenne un vero e proprio inno di pace, un modo per chiedere scusa, per riscattare gli orrori che la Germania aveva compiuto verso la Russia. Una ballad piacevole da ascoltare che come per magia coinvolge fin dall'inizio con il fischio di Klaus Meine accompagnato solo dalla chitarra suonata da Matthias Jabs.

Nel testo sono tre i termini che accennano alla Russia: il fiume Moskva, che attraversa appunto Mosca, Gorky Park, parco divertimenti sempre a Mosca e la balalaika (cordofono a corde pizzicate), strumento russo, simile al liuto, risalente al XVII secolo. 

Autore liviana
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!