Queen - Bohemian Rhapsody, omaggio a Freddie Mercury

Nasceva il 5 settembre del 1946 a Zanzibar Freddie Mercury, leggendario frontman dei Queen. Dotato di una voce straordinaria, di un grande talento compositivo e di un carisma capace di esaltare le folle, Farrokh Bulsara, vero nome di Freddie Mercury ha segnato in modo indelebile la storia del rock.

La sua scomparsa, avvenuta il 24 novembre 1991, ha segnato la fine di una delle band più influenti della storia del rock e ha gettato nello sconforto milioni di fan. Ma, come cantava egli stesso: "Fairy tales of yesterday will grow but never die" ovvero "le leggende invecchiano, ma non muoiono mai". La leggenda di Freddie Mercury è ancora viva a più di vent'anni dalla sua morte, tra i suoi capolavori più riusciti senza dubbio "Bohemian Rhapsody".

Il brano inciso nel 1975 lanciò definitivamente i Queen nell'olimpo del rock insieme a poche altre band. Secondo molti estimatori, in questo straordinario pezzo c'è il tentativo da parte di Mercury di fare outing, mentre secondo altri ancora c'è qualcosa di più oscuro della dichiarazione di omosessualità al mondo.

Comunque sia nonostante il significato recondito eventuale, questa incredibile canzone è universalmente considerata come un vero capolavoro dalle venature barocche e rock sofisticate e mischiate, con parti ad ampio respiro che accompagnano l'ascoltatore inevitabilmente inebriato dalla corroborante e avvolgente voce di uno dei lead vocalist più talentuosi di tutti i tempi.

Autore jeronta17
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!