"Nothing compares to you" 1990 - Sinéad O'Connor

"Nothing compares to you" è una canzone scritta da Prince, che svettò in cima alle classifiche nel '90, aggiudicandosi dischi d'oro e di platino, grazie alla cantante irlandese Sinéad O'Connor e che fa parte del suo album "I Do Not Want What I Haven't Got".

Inizialmente il tema principale del testo, si riferiva al senso di sconforto e malinconia che provava un amante, nel momento in cui venne lasciato.

Solo quando Sinéad O'Connor ne incise una nuova versione, facendo riferimento alla morte di sua madre, il pubblico ne apprezzò molto la sua interpretazione, tanto da essere considerata una delle migliori canzoni di sempre.

L'album, include anche brani, quali: "Feel So Different", "I Am Stretched On Your Grave", "Three Babies", "The Emperor's New Clothes", "Black Boys On Mopeds", "Jump in the River", "You Cause As Much Sorrow", "The Last Day Of Our Acquaintance" e "I Do Not Want What I Haven't Got".

Ascoltando le sue canzone, emerge il dolore dell'anima ribelle, di questa grande artista, anticonformista.  

Nata nel 1966 a Dublino, trascorre un'infanzia molto travagliata, dovuta alla separazione dei genitori e agli abusi subiti dalla madre alcolizzata e depressa, sinché, una volta affidata al padre, inizia a frequentare diversi collegi cattolici, da dove è continuamente espulsa per il suo comportamento irascibile, tanto che finirà persino in riformatorio per furto.

L'unica sua ancora di salvezza è la musica, debutta con il brano "Take My Hand" nell'81.

In seguito fa parte della band Ton Ton Macoute e collabora per la colonna sonora del film "The Captive" curata da Dave Evans degli U2.

Nell'85 la sua vita viene segnata dalla morte prematura di sua madre per un incidente stradale.

Nell'87 con "The Lion And The Cobra", l'artista conquista la scena musicale mondiale, sia per il look post-punk che per le sue tonalità di voce sensibile, romantica, con acuti da far venire la "pelle d'oca", con vibrazioni tenere, toccanti.

I temi in esso trattati sono di stampo fiabesco e mitologico, con un sound che spazia tra il punk-rock, l'hip-hop, il funk e il folk.

Nel '90 pubblica "I Do Not Want What I Haven't Got", sempre di Prince che però lei permea di un'atmosfera disperatamente romantica e malinconica, come anche "Three Babies", "Feel So Different" e "The Last Day of Our Acquaintance". Gli altri brani sono più ritmati, ma comunque sempre accomunati da temi dolenti autobiografici, da critiche verso la società ipocrita.

Uno dei suoi atteggiamenti provocatori è stato quando al "Saturday Night Live" stracciò in diretta una foto del Papa Giovanni Paolo II, come segno di protesta contro la repressione politica della Chiesa cattolica in Irlanda. Con questo episodio si accattivò, in modo negativo, il rapporto con l'America.

Nel '92 esce "Am I Not Your Girl", una raccolta di cover di grandi artisti che però non avrà molto riscontro commerciale.

Criticata e depressa, troverà incoraggiamento e sostegno solo da Peter Gabriel, che la vorrà nel cast del "Womad Tour", pubblica anche un'altra raccolta di cover, che avrà successo nel suo paese "Universal Mother" del '94, in cui emergono sempre le sue problematiche contro la società, la politica e la madre, quest'ultimo tema ripreso dolorosamente anche nell'Ep "Gospel Oak" del '97, in cui dolcezza e rabbia si alternano.

Nel 2000, dopo essersi avvicinata molto alla fede in Dio, è divenuta una predicatrice. attirandosi per l'ennesiva volta le critiche internazionali.

L'artista è nota anche però per le sue generose donazioni

Con il brano "No Man's Woman" che tradotto significa "donna di nessun uomo", contenuto nell'album spirituale e religioso "Faith And Courage", la cantante dissolve ogni dubbio circa la sua sessualità, in quanto pur definendosi lesbica, non disdegna comunque la compagnia maschile.

Dal 2002 al 2003 pubblica numerose cover di altri grandi artisti, mentre nel 2005 esce l'album, sempre di cover, con brani reggae "Throw Down Your Arms" che segnerà poi un periodo di pausa fino al 2007, quando con grande sorpresa pubblicherà "Theology", una raccolta di inni e preghiere.

La serenità che sembra aver raggiunto, finalmente è solo invece ancora una volta,  l'anticamera della depressione.

Nel 2012, nonostante tutto esce l'album "How About I Be Me (And You Be You)?", preceduto  dal singolo "The Wolf is Getting Married".

Nel 2014 Sinéad O'Connor, sembra così essere intenzionata a riconquistare un pubblico più ampio e pubblica l'album pop-rock "I'm Not Bossy, I'm The Boss" che però non raggiunge le vette delle classifiche.

Nel 2015 con un post su Facebook, la cantante afferma di aver fatto un uso massiccio di droghe.

Durante l'estate 2017 pubblica un video, ancora su Facebook, in cui dichiara di stare malissimo, di essere sola, abbandonata da tutti ed equipara le malattie mentali alle droghe. L'unica persono che le sta vicino è il suo psichiatra, da lei stessa definito la persona più dolce al mondo.

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube trom56. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!