"Ninna nanna" di Ghali è il fenomeno musicale del momento.

C'è una scena hip hop sotterranea in Italia che fa su internet gli stessi numeri dele grandi star del pop e la testa di serie di tutti i rapper underground in questo momento è Ghalì, milanese della periferia (cresciuto nel quartiere San Siro) e di origini nordafricane che ha scritto un pezzo, "Ninna nanna", che ha avuto un successo incredibile pur non passando mai alla radio, pur non facendo promozione in TV, pur non avendo mezzi produttivi paragonabili a quelli delle major discografiche.

Per capirci: "Ninna nanna" è stata per molti giorni prima in classifica nella top 50 italiana di Spotify, in cima alla viral 50 italiana, e ciliegina sulla torta prima in classifica nella viral 50 globale; in sostanza un artista italiano, un rapper, sconosciuto ai più persino in patria è più ascoltato dei vari Bieber, Timberlake, Coldplay ecc. senza che quasi nessuno se ne accorga nel suo paese d'origine. Ottimo.

Chi non ascolta questo genere musicale potrebbe chiedersi le ragioni di così tanto successo ma così facendo si autodenuncerebbe come ignorante in materia e per questo la maggior parte di chi non lo capisce, il successo di gente come Ghali, tende a derubricare il fatto come un fenomeno teen passeggero, un fatto di mode. Così non è, dietro questi ragazzi di strada che fanno Rap e portano le loro esperienze di vita in classifica c'è qualcosa di più complesso e forse addirittura rivoluzionario.

Il video è fatto molto bene e dimostra quanta creatività e arte ci sia dentro questo mondo nascosto. Tanti sono i fenomeni teen che svanisccono come mode passeggere, questo é un fenomeno teen perché è ascoltato soprattutto da questa fascia di mercato ma forse è meglio non dare per scontato che come una moda svanirà nel nulla in poco tempo.

Autore poppo2
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!