Lucio Battisti: E penso a te

Interessante video di repertorio che vede il grandissimo Lucio Battisti nell'interpretazione della bellissima "E penso a te".

"E penso a te" è un brano musicale interpretato dal cantautore italiano Lucio Battisti, composto assieme al suo amico Mogol, pubblicato sotto l'etichetta "Edizioni musicali Acqua Azzurra" nel 1970.

Secondo quanto narrato da Gianfranco Salvatore, musicologo e critico musicale italiano nato a Caserta nel 1957, nel libro "L'arcobaleno - Storia vera di Lucio Battisti (Giunti, 2000) il testo di questa canzone fu scritto in appena diciannove minuti, esattamente durante un viaggio in auto del duo, sull'autostrada Milano Como, mentre Battisti canticchiava la melodia Mogol improvvisava il testo.

Il brano racconta di un pensiero denso di nostalgia per una donna, che in quel momento non si ha accanto, e al ricordo di un appuntamento concluso senza esito: con il protagonista che esita davanti a lei, non sapendo come comportarsi. Tutto questo contrapposto al pensiero di lei, e a cosa in quel momento stia facendo, con rimpianto e nostalgia per ciò che non è stato ma poteva essere.
La canzone, secondo un documento pubblicato il 5 agosto del 2009, venne censurata in Argentina dal Processo di riorganizzazione nazionale (nome utilizzato dalla dittatura militare argentina che governò dal 1976 al 1983) in seguito ad una circolare del 25 luglio 1978.

Il brano comunque è uno dei più famosi del grande Lucio Battisti, tanto da essere tra quelli più interpretati da altri artisti quali Mina (nel 1971 la inserì nel suo album "Mina", Raffaella Carrà, Ornella Vanoni (nel 1986), Mietta (nel 2003), Raf (nel 2005), Fiorella Mannoia (nel 2009 all'interno di "Ho imparato a sognare"). La stessa Mannoia ha interpretato il pezzo insieme a Laura Pausini durante il concerto benefico "Amiche per l'Abruzzo".
Autore Petralavica
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!