Lowlow: "Ulisse" una strana ribellione.

Una delle canzoni di maggior successo in questi ultimi giorni in Italia e Ulisse di Lowlow, giovane rapper romano che rilascia un disco molto intenso e  infarcito di temi sociali molto attuali e di impatto sia sui media che nei dibattiti online.

Forse non è un caso che questa canzone sia uscita a ridosso della settimana dedicata ai fenomeni del bullismo e del femminicidio o forse si, ma la verità e che questo pezzo affronta l'argomento dalla parte del carnefice che è comunque stato vittima a sua volta ed è quindi l'altra faccia della medaglia.

Questo genere di testo è definito story telling, ed è in pratica un testo che racconta una vicenda, un fatto, dal punto di vista del protagonista.

Nico è un ragazzo che un giorno entra in una banca e tenta una rapina, ma la stessa non è altro che uno sfogo per il ragazzo, che ha intenzione di dare il benservito alla società e a tutti quelli che lo hanno reso ciò che adesso è adesso.

Il disagio raccontato da Lowlow ricorda per certi versi il disagio raccontato da Eminem in una delle sue canzoni più celebri che utilizzava la stessa tecnica narrativa cioè Stan in cui il rapper statunitense collaborava con Dido e che raccontava la storia di un suo fan diventato violento a causa delle difficoltà della sua vita.

Il video è molto bello e spicca molto l'attore principale che interpreta se stesso durante la rapina e poi di nuovo se stesso all'interno di un altro scenario in cui la stessa viene solo raccontata, simulata, immaginata.

Autore poppo2
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!