Love Will Tear Us Apart - Pane, disagio e Joy Division.

Quando, il 18 Maggio 1980 il giovane cantautore inglese Ian Curtis veniva trovato morto nella cucina della sua abitazione di Macclesfield, Inghilterra, in molti capirono che era finita un'era.

Era l'inizio degli anni ottanta ed il movimento punk, che aveva toccato l'apice della propria epopea un paio di anni prima veniva già sostituito dall'ennesima perla che la musica anglosassone è stata in grado di regalare al mondo in pochi decenni. Erano ancora calde le controversie su quel "God save the Queen" dei Sex Pistols, unico brano della storia del Rock ad arrivare primo nella Hit Parade inglese senza comparire ufficialmente nella hit stessa (causa la censura che il governo di Londra impose a quel brano uscito nell'anno del giubileo della regina) mentre quella che veniva definita "L'era del Punk" sfornava gruppi allora sconosciuti quali i Clash, i Ramones, Siouxsie and the Banshees e altri che un'altra nuvola, pessimista e creativa, oscurava il cielo del Regno unito.

A cavallo tra la fine degli anni settanta e l'inizio degli anni ottanta, quell'inghilterra grigia e piovosa partoriva i Smiths, i Cure ma anche e soprautto loro; i Joy Division. Un gruppo che fece in tempo a produrre pochissimi album prima della morte prematura a cusa del suicidio del proprio front man e che costrinse la band a reinventarsi successivamente diventando i New Order. Era il 18 Maggio 1980 che un giovane Ian Curtis veniva trovato morto nella cucina della sua abitazione di Macclesfield, Inghilterra e in molti capirono che era finita un'era. Ma era appena nata un leggenda.

Autore G10rg10
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!