Korobushka - La storia di un classico della musica russa.

Questa nota e assai vecchia canzone russa, chiamata anche con il nome di Korobeiniki, fu scritta nel 1861 da Nikolaj Nekrasov. Questo poeta pubblicò nello stesso anno anche un'opera lirica dall'omonimo titolo, che fu pubblicata nella rivista letteraria del tempo che si chiamava Sovremennik.

Korobushka divenne molto famosa e popolare nel ventesimo secolo, anche perchè fu usata in parecchi film, come per esempio nel "Il cacciatore di Cimino" o in "Snatch"; ma non solo, fu anche la colonna sonora di alcuni famosi videogiochi di fine secolo.

Ma di cosa parla questa canzone di appena 3 minuti e 49 secondi?

All'epoca degli Zar di Russia i Korobeiniki, dai quali presero il nome da canzone e l'opera lirica, erano dei merciai e dei venditori di stoffe ambulanti. Nel testo della canzona abbiamo uno di questi venditori ambulanti che che parla tra sè e spera di riuscire a vendere qualcosa ad una ragazza dagli occhi neri di nome Katja e di tornare a casa sua un pò più leggero dalla merce di quando era partito. La ragazza, dopo poche trattatie, compra un solo piccolo anello turchese, ma il ragazzo si sente molto più leggero, e il peso che si porta sulle spalle viene meno.

Andiamo ora ad ascolta una delle versioni originali della canzone e immergiamoci nell'antica realtà russa ai tempi dei grandi Zar.

Autore Karolina
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!