J-AX e Fedez - "Vorrei ma non posto"

 "Vorrei ma non posto" è un inedito uscito il 6 maggio 2016 di J-AX e Fedez, cantautori rap, precursore del loro album che sarà pubblicato a gennaio 2017, che sicuramente diventerà il nuovo tormentone di questa estate.

J-AX, pseudonimo di Alessandro Aleotti, nasce a Milano nel 1972, oltre ad essere un rapper è anche cantautore e produttore discografico.

Nel 1990 ha fondato il duo rap Articolo 31 con DJ Jad per intraprendere poi nel 2006 la carriera solista. Verso il 2000 è passato dallo stile rap a quello pop rock, ricevendo comunque molti premi e riconoscimenti ed è tutt'ora in attività.

Fedez, pseudonimo di Federico Leonardo Lucia, è nato a Milano nel 1989 ed è anch'egli un rapper ed un produttore discografico.

Il suo primo EP "Pat-a-Cake" uscì nel 2007, a cui seguì una carriera inarrestabile che gli ha attribuito molti premi e riconoscimenti. Nel 2013 ha fondato la propria etichetta discografica Newtopia con il rapper J-Ax.

Pur appartenendo a generazioni differenti, nel testo di "Vorrei ma non posto", si evidenzia una panoramica della sociètà odierna, permeata da un high-tech molto avanzata e dai social media in cui ci si ritrova in un'altra dimensione. La realtà virtuale muta la nostra esperienza di vita, una vera e propria full immersion in un mondo amplificato e condizionato dai social network.

Il linguaggio del testo ha un enorme potere comunicativo, semplice e diretto per questo atto ad arrivare subito all'ascoltatore, sia per l'impatto immediato sia per il carico emotivo che contiene. Purtroppo l'iperconnessione, grazie alla quale ci si sente riconosciuti e accettati, può tradursi in comportamenti a rischio, quali il bullismo. Si condivide qualsiasi aspetto della vita quotidiana, anche se insignificante, senza apprezzare ciò che succede veramente.

I like e le condivisioni sul Web diventano necessarie e compulsive e i due cantautori si rivolgono alla generazione del Pc in questi termini: "lo stress che proviamo vivendo in due esistenze parallele, tra il reale e il virtuale, ci crea tensione, ma l'estate ci porterà il relax e la voglia di cantare, i problemi bisogna metterli da parte e il divertimento è assicurato. Non c'è un senso a questo tempo che non dà il giusto peso a quello che viviamo, ogni ricordo è più importante condividerlo che viverlo".

Autore liviana
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!