"Into the groove" - Madonna

"Into the groove" celebrò l'inizio della carriera di Madonna, che già aveva avuto il suo esordio con "Like a virgin". Questo brano, inoltre, la consacrò alla carriera di attrice, in quanto fu la colonna sonora del primo film a cui partecipò, "Cercasi Susan disperatamente" (1985), dove interpretava appunto il ruolo di Susan, e che incassò ben 27 milioni di dollari.

Nonostante i successivi successi, le innumerevoli canzoni scritte e interpretate dall'artista in 35 anni di attività (dal 1982), questa canzone resta uno dei suoi più grandi successi, vendendo milioni e milioni di copie in tutto il mondo (più di 1 milione soltanto negli Stati Uniti). È stata in cima alle classifiche di diversi paesi, spodestando tutti gli altri brani, benché famosissimi dell'epoca, e fu superata solamente da "We are the world", il progetto umanitario degli Usa for Africa in cui cantarono decine di artisti di fama mondiale, al fine di raccogliere fondi per l'Etopia, che a quei tempi fu colpita da una grave carestia.

Il testo della canzone, sebbene sia essenziale e piuttosto semplice, contiene un messaggio molto importante, che all'apparenza può perdersi nelle strofe che a loro volta possono essere ritenute un po' banali. C'è una strofa, infatti, in cui Madonna afferma che, nonostante il suo look lasci intendere di essere una persona alquanto sfacciata e spregiudicata, in realtà la sua è mera apparenza. È la società con le sue etichette, a scatenarle questa sorta di provocazione.

Autore SettimaLuna
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!