Extreme - More than words

"More than words" è una ballad del gruppo statunitense Extreme che fa parte dell'album "Extreme II: Pornograffitti" del 1991. Alla chitarra troviamo Nuno Bettencourt e alla voce Gary Cherone, con armonie vocali di Bettencourt che contrastano lo stile funk metal della band.

Il singolo entrò nella Billboard Hot 100 e in breve tempo salì in vetta alla classifica divenendo il loro primo successo negli USA e in altri paesi internazionali.

Gli Extreme, di genere musicale hard rock, si formarono nel Massachusetts nel 1985, inizialmente come genere funk metal e in seguito unirono influenze rock classico con il post-grunge e l'alternative rock.

La formazione attuale è composta da: Gary Cherone (voce), Nuno Bettencourt (chitarre, pianoforte, voce e cori), Pat Badger (basso e cori) e Kevin Figueiredo (batteria).

In passato ne fecero parte anche: Paul Geary (batteria), Mike Mangini (batteria), Paul Mangone (basso), Peter Hunt (chitarra solista), Hal Lebeaux (chitarra ritmica), Carl Restivo (basso) e Laurent Duval (basso).

Hanno pubblicato cinque album in studio: nel 1989 "Extreme", nel 1990 "Extreme II: Pornograffitti", nel 1992 "III Sides to Every Story", nel 1995 "Waiting for the Punchline" e nel 2008 "Saudades de Rock".

Un live uscì nel 2010 "Take Us Alive" e due raccolte: nel 2000 "The Best of Extreme", "An Accidental Collication of Atoms?", mentre sono del 2002 "20th Century Masters" e "The Millennium Collection: The Best of Extreme".

Il tema della canzone è principalmente d'amore, si chiede al partner di dimostrare con i fatti l'amore e non solo con le parole. A volte dire solo "ti amo" non basta, bisogna dimostrare cosa si prova, più delle parole è quanto si fa che rende reale la relazione nel profondo. In questo modo non si dovrà dire che si ama, perché il partner lo saprebbe già. Non bisogna far altro che chiudere gli occhi, allungare le mani e toccarsi, tenersi stretti e non lasciarsi mai, più delle parole è ciò di cui si ha sempre bisogno.

Per alcune persone, poiché non hanno nessuno a cui appoggiarsi, anche solo delle semplici parole le fanno sentire importanti, vive.

Le emozioni si sentono quando si vivono davvero e non c'è nessun bisogno di dover proferire parole finchè l'altro se ne accorga, le senta.

E' questione di carattere, si può correre il rischio di ferire con le stesse, chi invece le  interpreta come promesse di dimostrazioni, è meglio che ad esse seguano i fatti.

C'è chi non riesce a dire "ti amo" o "ti voglio bene" guardando negli occhi l'altra persona, per timidezza, perché ciò gli metterebbe ansia e poi, dire "ti amo" è facile, ma a dimostrarlo nel concreto è difficile.

L'importante è che il partner ci ami per quello che siamo, con i nostri pregi e difetti, evidentemente è proprio questo che va al di là delle parole e dei fatti, anche se questi ultimi sono mille volte meglio delle parole, ma senza qualche conferma a voce ogni tanto ci sentiremmo persi.

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietà del canale Youtube Marcos Jose Amaral. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!