"Electric Blue" 1987 - Icehouse

"Electric Blue" è un brano del 1987 del gruppo rock australiano synthpop Icehouse, scritto da Iva Davies (cantautore, produttore e musicista degli Icehouse) e John Oates (Hall & Oates) e contenuto nell'album "Man of Colors".

La canzone ebbe un enorme riscontro di pubblico, tanto da salire in vetta nella Billboard Hot 100 americana. Nel testo della canzone, un uomo pensa di avere la possibilità di ricevere l'amore di una donna che sembra essere al di sopra delle sue possibilità.

Gli Icehouse, si fondarono col nome Flowers a Sydney nel 1977, inizialmente di genere musicale pub rock (rock and roll australiano degli anni '70-'80), hanno in seguito virato verso la musica new wave e synthpop, raggiungendo il successo.

Il termine Icehouse deriva da una vecchia e fredda "casa", un edificio situato lungo la strada popolata da persone itineranti.

Davies e gli Icehouse usavano sintetizzatori, la batteria Linn e i loro brani più famosi sono "Great Southern Land", "Hey Little Girl", "Crazy", "Electric Blue" e "My Obsession"; mentre i loro album più gettonati furono "Icehouse" del 1980 sotto il nome Flowers, "Primitive Man" del 1982 e "Man of Colors" del 1987.

Divennero un'icona degli anni ottanta e novanta vincendo numerosi dischi di platino.

Alla band dei Flowers, formata inizialmente da Iva Davies e dal bassista Keith Welsh, si unirono atri musicisti nel 1978, come Michael Hoste alle tastiere e Don Brown ai tamburi.

Verso il 1979 John Lloyd (ex Paul Kelly e i Dots ) sostituì Don Brown alla batteria, con Anthony Smith, a volte denominato Adam Hall, alle tastiere, sostituendo Michael Hoste che in seguito si riunì alla band.

I Flowers debuttarono nel 1980 con "Can not Help Me" (scritto da Davies) che ebbe subito un grande successo, seguito dall'album "Icehouse", caratterizzato dall'uso di vari sintetizzatori dell'epoca.

Altri singoli si successo furono "We Can Get Together" e "Walls" da "Icehouse" che divennero grandi hit.

È dal 1981 che i Flowers finalmente divengono star internazionali a livello mondiale e cambiano il nome in Icehouse, lanciando il singolo "Icehouse" che entrò nella "chart Billboard Top Tracks", mentre il brano "We Can Get Together" entrò nella lista "Billboard Hot 100" e il singolo "Love in Motion" divenne un grande successo australiano.

Gli Icehouse si sciolsero alla fine del 1981, l'anno dopo Davies registrò come solista l'album "Primitive Man", coprodotto con Keith Forsey, che svetto in cima alle classifiche e con il singolo "Hey Little Girl" ebbe molto successo in Australia, Svizzera, Germania,  Regno Unito, Svezia e Paesi Bassi, mentre ebbe scarso successo negli Stati Uniti, dove entrò comunque nella "Billboard 200".

Un'altra canzone, "Great Southern Land" spopolò in Australia e fu inclusa nel 1988 nel film di Yahoo "Young Young Einstein".

Davies promosse "Primitive Man" in tour con gli Icehouse con Hoste, Lloyd e nuovi membri, quali: Robert Kretschmer (chitarrista), Guy Pratt (chitarra basso) e Andy Qunta (tastierista e contrafforti).

"Fresco", l'EP contenente cinque brani venne pubblicato nel 1983, mentre "Love in Motion", sempre nello stesso anno venne rilasciato per il mercato britannico.

Davies, collaborò anche per il film Razorback che uscì nel 1984 con brani interamente strumentali, utilizzando il computer musicale Fairlight.

Sempre nell'84 gli Icehouse, pubblicarono "Sidewalk", con singoli di grande successo come "Taking the Town", "Don't Believe Anymore" e "Dusty Pages", mentre nel 1985 è la volta dell'album "Boxes" che contiene tra tanti singoli "No Promises".

Nell'86 pubblicano l'album "Measure for Measure" che vide Brian Eno come esecutore aggiuntivo e che contiene brani famosi come "No Promises", "Baby, You're So Strange", "Mr. Big" e "Cross the Border".

È dell'estate la loro performance al New York City The Ritz, registrata come Icehouse "Live at the Ritz", trasmessa in TV.

"Man of Colours" sarà l'album più venduto della band nel 1987 con i brani  "Crazy", "Electric Blue", "Nothing Too Serious", l'omonimo "Man of Colours", "Heartbreak Kid", "Kingdom", "My Obsession", "Crazy" ed altri.

Nel 1990 pubblicano l'album "Code Blue" che non ebbe molto successo, con brani , quali: "Touch the Fire", "Big Fun", "Miss Divine" e "Anything Is Possible".

Nel '93 esce l'album "Big Wheel" con singoli, quail "Big Wheel" di Iva Davies e David Chapman, "Satellite" di Davies, Chapman e Paul Wheeler, "Goodbye, Valentine" di Davies, Simon Lloyd e Wheeler, ed altri.

Nel 1995 pubblicano l'album cover "The Berlin Tapes" in collaborazione col compositore di musica classica Max Lambert, in accompagnamento del balletto "Berlin" della "Sydney Dance Company" che contiene tracce strumentali eseguite con il balletto, quali: "Loving the Alien", "Sister Europe", "Heaven", "Complicated Game", "Berlin", ecc.

Oltre agli album, la band ha prodotto anche varie compilations, quali: "Great Southern Land", "Masterfile", "The Singles", "Love In Motion", "No Promises", "Heroes" e "White Heat". Tra gli EP ricordiamo "Fresco EP" e "Spin One".

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube 4shadower. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Condividi

Lascia il tuo commento!