Demis Roussos - "Goodbye, my Love, Goodbye" (1973)

"Goodbye, my Love, Goodbye" è un singolo nel 1973 di Demis Roussos che fa parte dell'album "Forever and Ever".

Demis Roussos, pseudonimo di Artemios Ventouris Demis Roussos, nacque ad Alessandria d'Egitto nel ‘46 e morì ad Atene nel 2015.

Oltre ad essere un bravissimo cantante, era anche un bassista e seppe esprimere con la sua voce potente ma soave la magnificenza delle terre greche in cui ha vissuto.

Passava facilmente dal rock progressivo alla disco music e al pop, il suo stile si assimilava a quello di Paul McCartney e Brian Wilson.

Nel 1956, ci fu una grave crisi a Suez, in Egitto e così fu costretto a ritornare con i genitori in Grecia, loro terra natia. Apprese il solfeggio, imparò a suonare strumenti musicali, quali la chitarra, la tromba e divenne un cantante solista ad Alessandria d'Egitto.

In Grecia, debuttò in diverse band, quali: The Idols, Minis, Stormies, We Five e Aphrodite's Child, poi proseguì come solista.

Quando era nel gruppo degli Aphrodite's Child, produsse singoli di grande successo mondiale come: "It's five o'clock","Rain and Tears", "Spring", "Summer", "Winter and Fall", "I want to live" ed altri, pubblicò anche un album "666", considerato un vero e proprio capolavoro.

Demis Roussos collaborò anche in alcuni album solisti di Vangelis, tastierista degli Aphrodite's Child, da ricordare sono infatti "Race to the End", colonna sonora di "Momenti di Gloria" ("Chariots of Fire").

Si può affermare che la sua carriera da solista raggiunse la vetta del successo soprattutto nel '70, quando vinse il Festivalbar del 1971 con "We Shall Dance".

"Forever and Ever", fu un singolo che salì in vetta delle classifiche nel 1973, seguito poi da altri grandi successi, quali "My Friend the Wind", "My Reason", "Lovely Lady of Arcadia" e "Goodbye my love, Goodbye". Da ricordare sono anche "Someday Somewhere", "Auf Wiederseh'n", "Perdoname", "Happy to Be on an Island in the Sun", "When Forever Has Gone" e "Lost in Love" degli Air Supply.

Nel 1985 pubblicò l'LP "Time" e il singolo da discoteca "Dance of Love" riscosse un notevole successo di pubblico. Nell'88 uscì il singolo "Quand je t'aime" e nel ‘90 "On écrit sur les murs", due grandi successi francesi.

Sempre negli anni ‘90 produsse "Immortal", "Serenade" e "In Holland", nel 2002 duettò con Ivana Spagna nel brano "Tears of Love", contenuto nell'album di quest'ultima  "Woman".

Purtroppo ormai malato da tanti anni, morì ad Atene nel 2015, a soli 68 anni, lasciandoci comunque le sue opere di grande prestigio da ascoltare per sempre.

Il brano "Goodbye, my Love, Goodbye", parla di chi è costretto a dire addio alla persona amata, sembra che il vento canta una canzone, vecchia e triste, perché sa che è giunto il momento di lasciare il partner, si esorta a non piangere o il cuore si spezzerà, quando se ne andrà per la sua strada.

"Addio amore mio, addio e arrivederci", con queste parole saluta l'amato/a, fino a che possa ricordarsi di lui/lei. Non sarà mai troppo lontano, sarà sempre fedele, lo/a esorta a stringerlo/a nei suoi sogni, finché non tornerà. Le dice di guardare le stelle nel cielo lassù perché brilleranno ovunque vagherà ed ogni notte solitaria pregherà finche lo guidino presto a casa.

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Xiann Melegrito. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!