"Black Hole Sun" 1994 - Soundgarden

"Black Hole Sun" è singolo della band di Seattle, Soundgarden, di genere musicale grunge che fa parte dell'album "Superunknown" del 1994.

Ricevette la certificazione di disco d'oro per le milioni di copie vendute e vinse il Grammy come miglior brano hard rock. Il brano, sarà l'emblema della band e svetterà in classifica grazie sia alla voce del cantante sia alla chitarra di Thayil.

La canzone che sembra invocare l'arrivo di un misterioso "sole del buco nero" può ricondurre a diverse interpretazioni, quali uno stato d'animo spirituale o un diretto messaggio di critica rivolto alla classe borghese americana che viene spazzata via perchè sta giungendo l'apocalisse, un buco nero, che risucchierà tutto e tutti, ma sembra che a molti non interessi, ormai accecati dall'egoismo, mentre altri cercano il perdono, ma inutilmente.

I Soundgarden sono una band rock statunitense che si formò a Seattle nell'84, grazie al cantante Chris Cornell, al chitarrista Kim Thayil e al bassista Ben Shepherd.

Possono essere considerati i precursori del genere musicale grunge (alternative rock) che si è accostato all'heavy metal e all'hard rock classico. Purtroppo il 17/05/2017, è morto a Detroit, nel Michigan il cantante Chris Cornell, a soli 52 anni.

Il suo nome vero era Christopher John Boyle, nato a Seattle (Detroit) nel 1964, debuttò nei Soundgarden, formatisi nell'82, insieme al bassista Hiro Yamamoto, inizialmente con il nome di The Shemps. Yamamoto venne presto sostituito da Kim Thayil, ma nell'84 Cornell e Yamamoto, si riunirono e con Thayil (chitarrista) e Scott Sundquist (batterista), formarono i Soundgarden.

Per rappresentare gruppi dalle sonorità grunge, uscì la compilation "Deep Six" nel 1986 e sono proprio dei Soundgarden i brani: "Heretic", "Tears to Forget" e "All Your Lies".

Alla compilation ne fecero parte anche altri gruppi, quali: Green River, Melvins,  Malfunkshun, Skin Yard e The U-Men.

Prima, parteciparono alla compilation a edizione limitata "Pyrrhic Victory", con il brano "Incessant Mace", insieme alle band: Ten Minute Warning, Vexed, Feedback (20), Mental Mannequin, The Fags, Colour Twigs, Skin Yard, The Probes e The Horrible Truth.

Successivamente Scott Sundquist viene sostituito da Matt Cameron e nel 1987 la band pubblica il singolo "Hunted Down/Nothing to Say" e registrano l'EP "Screaming Life".

Lo stile del cantante viene subito assimilato a quello di Robert Plant dei Led Zeppelin e così i Soundgarden, appaiono molto interessanti e appetibili nell'ambiente discografico.

Nel 1987 pubblicano finalmente il loro primo EP che contiente anche "Entering", "Tears to Forget", "Little Joe" e "Hand of God".

Nel 1988 esce il secondo EP "Fopp", di cui fa parte il singolo "Kingdom of Come" e verso la fine dell'anno l'album "Ultramega OK" caratterizzato da un sound cupo che comunque ebbe un notevole riscontro di pubblico, tanto da ottenere la nomination ai Grammy Awards 1990 per i gruppi hard rock e heavy metal, soprattutto grazie ai singoli, quali: "Incessant Mace", "Beyond the Wheel", "Head Injury" e "Nazi Driver".

Nel 1989 pubblicano l'album "Louder Than Love" che con i brani "Gun", "Loud Love" e "Get On the Snake" scalerà immediatamente le classifiche statunitensi. Il bassista Hiro Yamamoto verrà sostituito da Jason Everman che rimarrà per breve tempo, in quanto verrà rimpiazzato dal bassista Ben Shepherd con cui pubblicheranno "Louder Than Live" e nel 1991 l'album "Badmotorfinger" che otterrà un gran successo, soprattutto per i singoli: "Outshined", "Rusty Cage" e "Jesus Christ Pose".

In questo periodo Cornell formò anche un altro gruppo i Temple of the Dog insieme a Matt  Cameron e  i Pearl Jam (Eddie Vedder, Stone Gossard, Mike McCready e Jeff Ament), scioltosi nel ‘92, dopo aver pubblicato l'album "Temple of the Dog".

Sempre in quell'anno i Soundgarden collaboreranno nella colonna sonora del film "Singles - L'amore è un gioco" con i brani "Birth Ritual", "Seasons" e la versione acustica di "Spoonman", il cui brano venne ispirato a Cornell da un artista di strada di Seattle che suonava cucchiai e che precederà l'uscita nel '94 dell'album di maggior successo della band "Superunknown" .

Quest'ultimo segna un grande cambiamento del gruppo, non solo per le sonorità ma anche per il loro nuovo look, più sobrio. 

I brani sono più introspettivi e cupi, avvolti da un'atmosfera misteriosa come in "My Wave", "Kickstand", "Spoonman" e "Head Down", "Mailman", "4th of July" e "Let Me Drown".

Dopo "The Day I Tried to Live", con "Black Hole Sun" e "Fell on Black Days", la band diventerà un'icona degli anni '90.

Dal '93 al '94 i Soundgarden intraprenderanno un tour mondiale, terminato in anticipo per problemi alle corde vocali di Cornell e nel ‘95 pubblicheranno "Alive in The Superunknown".

Il loro quinto disco "Down on the Upside" uscirà nel 1996, con i brani "Down on the Upside", "Never the Machine Forever", "Overfloater", "Switch Opens", "Rhinosaur" e "Applebite", "Pretty Noose", "Burden in My Hand" e "Blow Up the Outside World".

Durante il tour mondiale, intanto, accrescono le tensioni tra i membri della band, tanto che nel 1997 annunciano il loro scioglimento. Verso la fine dello stesso anno, pubblicano "A-Sides", una raccolta di loro brani e l'inedito "Bleed Together".

Chris Cornell, prosegue la carriera da solista e pubblica dal 1999 al 2009 gli album: "Euphoria Morning", "Carry On" e "Scream". Nel 2001 diede vita alla band Audioslave, unendosi ai Rage Against the Machine, sostituendo il cantante Zack de la Rocha. Dopo sei anni questa band si scioglie e l'ex cantante ritorna e si ricreano i Rage Against The Machine.

Nel '98 Matt Cameron (batterista) entra definitivamente nei Pearl Jam, ma si riunirà in seguito ai Soundgarden, nel 2010, per una performance della band che si chiamerà per l'occasione Nudedragons.

Durante l'estate di quell'anno parteciperanno al festival rock a Chicago denominato "Lollapalooza", due anni dopo vennero anche in Italia per un concerto a Milano e collaboreranno alla colonna sonora del film "The Avengers" di Joss Whedon, con il singolo "Live to Rise".

Verso la fine dell'anno uscirà l'album "King Animal", contenente 13 brani, caratterizzato da un sound ben ritmato come in "Been Away Too Long", "Non-State Actor", "By Croocked Steps", "Blood On The Valley Floor", "Attrition" e in "A Thounsand Days Before", ma sono belle anche la lenta e malinconica "Bones Of Birds",  in "Black Saturday" si fonde un  timbro caldo, naturale con un suono elettrico, metallico, mentre è più commerciale "Halfway There", di genere pop-folk, la psicadelica "Worse Dreams", l'intensa "Eyelids Mouth" e il "soul-blues " di "Rowing".

Verso la fine del 2014 esce "Storm", brano inciso con Jack Endino che anticiperà "Echo Of Miles: Scattered Tracks Across The Path", un triplo cd che raccoglie brani rari e materiale inedito.

Storm" è una riproduzione di una canzone della demo della band, del 1985, "The Storm", ora semplicemente intitolata" Storm". Un altro singolo è "Twin Tower", strumentale risalente al periodo delle incisioni di "Louder Than Love" (1989), secondo disco dei Soundgarden.

Purtroppo mancherà la voce leggendaria, profonda e graffiata, di questo grande artista, della scena grunge di Seattle, che negli anni '90 col suo suono ha influenzato un'intera generazione.

Nel 2016 è uscito il film "The Promise" che tratta del genocidio armeno, interpretato dagli attori Christian Bale, Oscar Isaac e Charlotte Le Bon, diretto da Terry George e Chris Cornell ha collaborato per la colonna sonora scrivendo la canzone "The Promise" donando i proventi al "Comitato di Salvataggio Internazionale".

Autore liviana
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietà del canale Youtube SoundgardenVEVO. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!